3) Marzo 1992

“Io, questa sera, accolgo la tua preghiera, perché vedo in essa lo slancio del cuore.

O anima, non temere così fortemente di disgustarMi!... Ma no, figlia Mia, sta’ tranquilla che non Mi porti grandi disgusti! Tu continua a confidare in Me, nella Mia Onnipotenza e Misericordia, e presto vedrai la realizzazione di tutti i Miei progetti d’amore e bontà verso gli uomini Miei figli.

Ora va’ in pace e riposa nel Mio Cuore!”

 

“…  A te non servono le cose del mondo! Anzi, per avere la VITA VERA IN ME devi rinunciare ad ognuna di esse.

Desidero dire ai Miei figli lontani che questa Quaresima è il momento propizio per la conversione. All’inizio della Mia missione fra gli uomini anch’Io sono stato tentato, ma IN TUTTO ho vinto il mondo, perché facevo sempre la Volontà del Padre e non la Mia. Coraggio, dunque, figlioli: combattete contro il male dilagante con la preghiera e le opere di misericordia corporale e spirituale!... Pregate figlioli, perché in voi si realizzi sempre la Volontà del Padre.

In quanto a te, o piccola, ti ringrazio per le lacrime che, per Mia grazia e misericordia, versi sui peccati tuoi e di altri fratelli e sorelle: Mi dai così consolazione. Potrò forse Io, che sono un Padre Amantissimo, non muoverMi a compassione a causa del tuo pianto in loro favore?

Ora va’ in pace … Che il tuo si fonda sempre più col Mio Santissimo Cuore, fino a provare gli stessi fremiti e palpiti per la salvezza delle anime.

Ora va’ in pace che Mi consoli … per i sacrilegi che subisco in silenzio. Amen!”

 

“O anima, getta via tutto ciò che non serve alla tua santificazione, in primo luogo gli affetti disordinati alle creature. Come ti ho già detto, tu devi avere sempre l’occhio dell’anima fisso in Me, anche quando il tuo sguardo si posa sulle Mie creature …

Quanto tengo stretti al Mio Cuore Sacratissimo i Miei figli sacerdoti! Quanto li amo!

Desidero ardentemente che il Mio ministro … parli dal pulpito, durante la Liturgia Eucaristica, ai fedeli e dica loro - pur con parole umane che non possono spiegare il Mio Divino Amore - quanto li amo, uno ad uno. Ogni giorno, ad ogni istante, figli Miei diletti, Io poso lo sguardo su di voi con immenso Amore paterno ... voi solo rispondete!

In quanto a te, o figlia, sii più vigilante e porta la croce con Me, come Io desidero. Abbandonati totalmente a Me, in modo del tutto speciale domani, giorno del Mio patire (nota: venerdì). Sii veramente sobria e riservata: voglio che tu sia un’anima interiore … O anima, lascia il tuo piccolo cuore confitto in croce con il Mio.

Va’ in pace e sii tu benedetta: nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.”

 

Locuzioni interiori ricevute durante un'adorazione notturna al Santissimo Sacramento …:

 

“Non ti ho detto forse che il tuo cuore è confitto in croce col Mio, o anima?

Ricerca la sofferenza in ogni cosa, come un grande tesoro, quale poi essa è veramente. Oh, se si conoscesse veramente e profondamente il senso della croce portata con amore, questo mare di patimenti umani, grandi e piccoli, che uniti ai Miei salvano il mondo! Come si stimerebbe un nulla un’intera vita di sofferenze in confronto alla enorme ricompensa che vi attende in Cielo, Miei diletti! Chi, o anima, indietreggerebbe più di fronte alle mortificazioni d’ogni specie? Queste cose le dico proprio a te, o anima, che oggi hai rifiutato di seguire la Grazia per ripugnanza della natura: non sia più così, piccola Mia! Anzi, d’ora in poi, quando ne avrai l’occasione, dovrai gioirne in cuore e dire: "Quale gran regalo mi fa quest’oggi il mio Sposo e Maestro Gesù che, pur nella mia indigenza e miseria, mi associa ai Suoi disgusti e tormenti!"…

Una cosa che, invece, Mi dà molto diletto è la Santa Confessione che tu fai così sovente: quanto è consolato questo Mio Sacro Cuore, che sempre vorrebbe starsene a lavare e ripulire anime! Specialmente quelle più sudice e più imbrattate col fango del peccato mortale.

Per far sì che questi Miei figli, i sacrileghi, tornino a Me, Mi occorrono molti sacrifici e … preghiere ardenti e vive. Le anime non si convertono se non a prezzo di inauditi sacrifici; in particolar modo, Mi sono graditi i sacrifici della volontà, o figlia.

Non angustiarti per certe tue manchevolezze inconsapevoli: uno che commette un peccato ne è cosciente, lo desidera; tu, in questo caso, no, figlia Mia, non l’hai voluto.

Dovresti ormai conoscere come Io guardo al cuore più che alla esteriorità; anche se le azioni esterne non devono poi essere altro se non lo specchio dello stato interiore dell’anima … come un’ombra della grande luce della Grazia che inonda internamente tutta l’anima.

Ora va’ in pace, o figlia, e non temere nulla … Io ti sono sempre accanto e ti proteggo con immenso Amore. Accolgo tutte le tue intenzioni di preghiera e ti benedico: nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!”

 

Dico a Gesù che sono dispiaciuta per la mia risposta insufficiente ai Suoi amorevoli inviti …:

“O anima, stai calma e serena! Quando Io vedo che un’anima si sforza di camminare per la Mia via, ed è perseverante, Io non ne ho dolore, ma gioia, anche se questa Mia diletta dovesse mancare spesso – per debolezza e fragilità umana – verso di Me. Alla fine, quando Io lo riterrò più opportuno, ripagherò i continui sforzi con la pienezza della Mia Grazia. Amen.”

 

Un Messaggio per un sacerdote …:

 

“O anima! Mi è molto gradito questo sentimento del suo cuore, ossia che egli si stia distaccando così fortemente dalle cose materiali …

Figlio Mio … diletto, conformati in tutto a Me. Questa Santa Quaresima è il tempo propizio per te per meditare sopra la Mia dolorosa Passione e riviverla in te … sii tu nella pace!

Vi benedico, figli Miei diletti: nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.”

 

Sono le ore 23.00 e io ho la grazia di trovarmi in chiesa. Sto per iniziare la recita del Santo Rosario, ma odo nel mio cuore:

 

“Ora ascolta Me, o anima!

Ti parlo dai più profondi abissi del tuo cuore, luogo dove Io voglio riposare; ma potrò forse riposare dove dimora poca fiducia in Me? Intendo dirti, o anima, che anche il Mio Sacratissimo Cuore desidera maggior confidenza da parte tua. Questo è il tempo della Misericordia e non della Giustizia, quindi sta’ tranquilla e riposati nel Mio Sacratissimo Cuore, maggiormente quando le avversità esterne aumentano a dismisura per il tuo animo, ancora troppo pusillanime, a volte, nelle cose Mie.  Abbi pace, infine, poiché la tua offerta Mi è gradita.

Quanti sacrifici Mi occorrono per convertire certi cuori! Quante preghiere! Quali e quanti sospiri devi elevare fino al Cielo, fino al Padre Mio, perché sciolga il ghiaccio in questi cuori; infatti, ci sono alcuni dei Miei amati figli, per i quali Io ho sudato Sangue, per i quali ormai il calice della Giustizia Divina è traboccante. La Mia Mano è su di loro e solo le anime di Me innamorate calmano un po’ la Mia brama di giustizia.

O figli, non ostinatevi più in tali orrendi peccati! Quanti siete, o voi che alimentate il fuoco del castigo! Quanto pochi invece quelli che lo smorzano con una vita santa!

O anima, prendi la croce e, col cuore trafitto di dolore, seguiMi! Unisciti a Me, alla Mia infinita Agonia a causa dell’ingratitudine di cui è colma la terra. Unisciti a Me anche tu, figlio Mio …, che tanto sei mortificato in questi tempi.

Figli fedeli, solo la vostra totale oblazione può bastare a saziarMi il Cuore di ineffabile consolazione! Amen.

Va’ in pace!”

 

“Sì, o anima! Piano piano, giorno dopo giorno, tu progredisci sulla via del bene. Stai in pace ché Mi consoli, anche se non sei Santa. Ti ripeto amorevolmente che Io guardo la buona volontà delle Mie creature ed il loro distacco dai beni terreni. Anche se sei pusillanime nella pratica della virtù, non ti è permesso di non amarMi e, soprattutto, di scoraggiarti dopo ogni minima colpa.

Se tu potessi vedere con che sguardo Io rimiro i Miei figli fedeli, oh! quanto maggiormente Mi ameresti! Ricorda, però, che l’Amore che Io sono va amato perché è l’Amore e non per un qualche subdolo attaccamento a se stessi, no!

Io voglio, in questo tempo santo (nota: Quaresima), la CONVERSIONE DEI CUORI: oh, che strazio tutti questi giovani figli che corrono verso l’Inferno! Oh, come avete sovvertito in ogni punto l’ordine stabilito da Dio Padre e Creatore! Chi pensa ormai più al Regno dei Cieli ed alle sue ricchezze? Chi più custodisce gelosamente il tesoro delle virtù? Pare che, ogni giorno di più, il male abbia il sopravvento nei vostri cuori e, da lì, in ogni atto della vostra vita personale e sociale … cadrete ancor più in basso, figli Miei diletti, nonostante i Miei continui amorevoli inviti. Ma … Io tornerò e la creazione sarà liberata totalmente e definitivamente dal potere della morte e del peccato; ma quanto è ancor lunga e dolorosa questa Santa Passione!

Io semino ancora le sante vocazioni nei Miei giovani figli, ma tanti di loro Mi chiudono il cuore; altri sono indecisi e satana, il Mio avversario, usa di questa loro tiepidezza e poca forza di volontà per distaccarli del tutto dai buoni propositi che Io ispiro loro.

Figlia Mia, tu dici: "Io non sono Santa!". Sì, è vero, però ti ripeto ancora che tanti, che non hanno la pienezza della santità, Mi rapiscono il Cuore per le piccole e grandi croci che portano in unione alla Mia per la salvezza del mondo, pur conservando certe umane debolezze. Questi figli che offrono le loro sofferenze salvano il mondo e la loro anima. Anche coloro che, in passato, hanno macchiato col peccato mortale la santa veste (del Battesimo) che Io ho loro donato, si ritrovano tutte le loro colpe non solo perdonate, ma addirittura, per la Mia imperscrutabile Misericordia, espiate. Anche ad essi, che tanto Mi danno diletto, come ai Miei Santi, Io risparmio il carcere del Purgatorio e, dopo la morte, vado loro incontro con le braccia spalancate, dicendo: "Bravo servo fedele, vieni a ricevere il premio dei giusti nella Casa del Padre Mio!".

Quanti posti restano vuoti!... Durante la Santa Messa, i Miei ministri Mi pregano di aver pietà di tutti i defunti, affinché Io li possa tutti riabbracciare. Purtroppo, non tutti tornano alla loro Patria, il Cielo … quanti restano esiliati all’Inferno!

Tu, figlia Mia, ripara ed espia, e sii più vigilante. Taci in riparazione di tutte le bestemmie che Mi giungono dalla perversità degli uomini che osano tentarMi!

Dove c’è conversione del cuore, Io corro subito come il più amoroso dei padri, quale Io sono. Ma se voi vi ostinate a commettere sacrilegi e furti al Mio possesso …!!... le Mie creature, la vita stessa che Io vi ho donato, voi l’uccidete in mille modi! I pargoli innocenti gridano al Mio Trono Santo.
Cessa, o terra, da questo bagno nel fango del peccato e TORNA, TE LO RIPETO SUPPLICHEVOLE IO CHE SONO IL TUO DIO, TORNA AL TUO CREATORE! Amen.

Vai in pace, figlia Mia. Io ti benedico e con te benedico tutti i presenti a questa lodevole adorazione.”

Locuzioni interiori ricevute durante un'altra adorazione eucaristica notturna …:

 

“Perché suor … ti chiede se hai paura ad offrirti vittima? Che importanza può avere una vita lunga se non è vissuta conformemente alla Mia Divina Volontà?... guarda tutte le giovani Sante che Io presto ho rapito alla terra … perché dovrei lasciare in questo mondo creature che ormai sono solo del Mio Cielo? Sono fiori maturi: ecco perché Io li ho già colti. Ora sboccia anche tu alla vera Vita, o anima.

Nessun affanno voglio in te per il domani. Sei certa di avere un domani? Stanotte stai come un bimbo in braccio a sua madre, che non pensa nulla, solo si appoggia a lei in un atto di totale abbandono. Stanotte, questo Cuore palpitante d’Amore è qui tutto per te, o anima, figlia Mia. Sto qui ed aspetto che tu venga a Me in pienezza: compi sempre la Mia Volontà. Agisci con Me e con la Mia Madre Santa, che è tanto angustiata a causa vostra. Trasfigura ogni cosa: apriti alla Vita!

Sì, o anima, Io t’amo di un Amore incomparabilmente puro, grande, Divino! Riposati in Me! Mi dai diletto quando getti il cumulo delle tue miserie ed i fatti che più tendono ad appesantirti nel Mio Sacratissimo Cuore. 

Gettate tutto, anime fedeli, in questa Eterna Fornace che brucia e consuma tutte le umane debolezze e viltà! E voi, figli Miei che vivete maggiormente immersi nei peccati … Io attendo proprio voi con maggior trepidazione ed accolgo proprio voi con maggior gaudio!

Ecco dinanzi a te, o anima, questo Mio Sacro Cuore Eucaristico che batte incessantemente per voi … Oh, siate santi! ConsolateMi! Cari figli Miei, unite il vostro piccolo ed umano cuore al Mio che è Divino ed Umano, e vedrete quali prodigi potrete operare! In questa santa e santificante unione si ottengono i migliori capolavori della Mia Grazia, onnipotente dove, soprattutto, la si lascia operare.

HO SETE, figlia Mia, VOGLIO ANIME! VOGLIO VITTIME INCRUENTE!...

Col passare dei giorni di questo tempo quaresimale, l’azione della Mia Grazia, aiutata dagli Angeli, che hai attorno e che ti scortano e vegliano dovunque, aumenterà …

Ora va’ in pace e persevera nel bene. Sii tu benedetta da Me che regno in eterno: nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.”

 

“O anima, Io quest’oggi desidero ringraziare tutte le anime che stanno accogliendo i Miei inviti ad una vita santa, ad un’esistenza terrena votata totalmente a Me, per poi avere il suo proseguimento nel Mio e vostro Cielo, cari figli!

Tu, cara figlia, persevera nella retta via. Lo vedi come sia la Mia Grazia a trasportarti quando ti abbandoni fiduciosa fra le Mie braccia divine? RingraziaMi tanto per il Dono che oggi hai ricevuto: hai in te, o povera e piccola anima, Me, Datore di Pace e di Vita, Spirito Santificante!”

 

“Tu insieme a tutte le tue sorelle, le anime in Grazia, sei il Mio tempio vivente, dove la Grazia lavora incessantemente, anche senza che lo spirito se ne avveda.

E’ dura questa lotta contro se stessi ed il mondo, non è vero, o anima diletta dal Mio Cuore? Ma tu persevera; vinci ogni ostacolo con la fede, la speranza e la carità suprema, verso di Me e verso i tuoi fratelli.

Pregate, figli miei carissimi, per le anime che si trovano temporaneamente in Purgatorio ed anche loro, per la comunione dei santi, intercederanno per voi!

Ora, figlia Mia, pregaMi col cuore. Questo è il giorno che ricorda il mistero della Mia Risurrezione ed Io desidero essere onorato e glorificato specialmente in questa solennità della Domenica; lo voglio anche per riparare il modo osceno e peccaminoso nel quale tanti Miei figli trascorrono questo giorno santissimo.

Vai in pace, ti benedico!”

 

Un Messaggio ad un Suo ministro …:

 

“Figlio Mio dilettissimo, …, sta’ forte nel bene e fuggi il peccato in ogni forma.

Aiuta, conforta, consola le anime che a te ricorrono nei loro vari bisogni, spirituali e  materiali. Sana le ferite che sanguinano dal cuore dei Miei figli peccatori. Sostieni coloro che hanno da affrontare le più terribili … lotte col nemico infernale.

Da' la pace, dona la pace a tutti i cuori mediante il Sacramento Mio ammirabile della Santa Confessione. Da' ai Miei figli il Pane della Vita che Io sono. Dì loro che li attendo tutti con immenso Amore paterno al banchetto del Cielo.

Tu sii forte, persevera, combatti con le armi della fede ferma, della preghiera e del digiuno … Mortificati in tutto, completamente, ed allora avrai la vera Vita in Me … figlio Mio diletto, Io ti benedico e resto sempre al tuo fianco. Io combatto con te: Io sono il Forte!

Voi vincerete, figli Miei: siate forti nella Fede! Vi amo immensamente; unite i vostri cuori al Mio! Amen!

Sabrina, vai in pace; Io ti dono la pienezza della pace, riposati in Me. Amen!”

 


 


Comments