2009-12-13 Appello di Cristo Salvatore alla preghiera per i sacerdoti pedofili e per le vittime di gravi abusi

“Ecco, prendi e scrivi, o Mia diletta anima … per amore Mio e verso le Mie anime amate, e quest’oggi, in special modo, amen, sacerdotali. Amen, amen, amen. Cristo, amen.”

 

(pausa)

 

“… Oggi, pertanto, vengo a te, Io, Gesù tuo caro e Tesoro supremo, amen, amen, con il Mio Cuore Divino - sfolgorante di Fiamme Celesti ed Amorose, amen, amen, amen - raccolto e racchiuso, amen, amen, in Mano – destra – Mia trafitta. Amen.”

 

(pausa)

 

“Vengo a dettarti, eletta cara … vengo a dirti un breve – ed importante – Messaggio riguardante la situazione gravemente penosa dei Miei (nota: “Miei” nel senso di appartenenti alla Chiesa Cattolica) sacerdoti pedofili e delle loro povere e sciagurate (nota: “sciagurate” inteso nel significato di colpite da una grave sciagura; nel caso presente, la violenza subita) vittime. Amen.”

 

(pausa significativa)

 

“Cosa voglio dirti, eletta cara, anima Mia, per loro?

Non farò adesso come l’altr’anno, quando ti dettai alcuni Messaggi specifici rivolti personalmente ai Miei ministri ordinati e pedofili, amen, ma Mi rivolgo stamani a tutto il Mio popolo cristiano che si sta preparando sinceramente all’evento grande – di salvezza eterna offerta all’uomo e alla donna di ogni tempo, amen, amen, amen – del Mio Santo e Sacrosanto Natale. Amen.”

 

Mi rivolgo a voi, figli e figlie cristiani – in Italia e nel mondo intero, amen, amen – e vi dico: pregate in questi giorni santi, pervasi della Mia Divina Dolcezza – Dolcezza di Santità, amen, amen, amen – per coloro che santi non sono e, purtroppo, non vogliono essere, ed in specie pregateMi per questi poveri e miseri sacerdoti traviati e travianti non poche anime di bambini. Amen.

Pregate, o figli e figlie, la Madonna Santissima e senza macchia, amen, affinché ottenga presto anche a ciascuno di loro, santità – vita di Grazia – e purezza: ché NIENTE E’ IMPOSSIBILE A ME, CRISTO AMOR VOSTRO E VOSTRO DIO E GRAN SALVATORE. AMEN.”

 

(pausa)

 

“PregateMi per le povere vittime di questi abusi atroci, i quali gravi abusi avvengono, come sempre ci sono stati, dopo l’originale caduta dei progenitori - Eva e Adamo peccatori, amen, amen: caduta che portò ed ha portato, purtroppo, la morte, e deviazioni e perversioni senza numero in ordine all’uso del sesso da parte del genere umano, amen.

PregateMi, adunque, per questi bambini e bambine, ingiustamente e gravemente violati.

 

“E per quanto riguarda i Miei sacerdoti pedofili, vi dico, amen: ricordatevi, o cristiani, che non tocca a voi giudicarli inflessibilmente.

Il giudizio sugli unti – Vescovi e sacerdoti in questo presente caso – e su ogni anima a Me strettamente e particolarmente consacrata, è di diritto di Dio Padre e del Figlio – che Io sono – e dello Spirito Santo Paraclito, e Consolatore e Avvocato degli uomini, amen: come Dio, Mio Padre, disse, vari secoli fa, all’elettissima e purissima, santissima anima profetica di Santa Caterina da Siena, che non sono i secolari a dover giudicare i Miei unti. Amen.”

 

(pausa)

 

“Figli, figli Miei, PREGATE.

IL MONDO TUTTO, CHE GEME E SOFFRE, TRAFITTO DA MOLTE PIAGHE, HA BISOGNO DEL RIMEDIO URGENTE DI  MOLTA PREGHIERA COL CUORE. AMEN.”

 

“Va’ in pace, eletta cara, Sabrina Mia, che scrivi per Me. Amen.

Ho finito.

Cristo, Cristo tuo Dio e Gran Salvatore. Amen”.

 

 

Locuzioni interiori ricevute domenica 13 dicembre 2009, durante l’adorazione al Santissimo.

 

 

Comments