2012-12-23 Messaggio prenatalizio del Cuore Sacratissimo di Gesù

“O Sabrina, Io sono Cristo Signore. Amen.”

 

“E vengo oggi a te per donare a tutti i Miei figli, e figlie, amati un Mio Messaggio prenatalizio. Amen.”

 

(pausa)

 

“Innanzitutto, scrivi - per correttezza - che ti è stato comunicato per iscritto che quella suora non aveva cattiva intenzione contro di voi.

Come si vede nel Mio precedente Messaggio a te rivelato, o Sabrina …, Io, in verità, non l’avevo neppure nominata; mentre, nel recente passato, quando avevo avuto qualcosa – purtroppo, di non bello – da dire su altre anime consacrate a Me, nel chiostro – come chiunque può leggere su questo Mio Sito prezioso - in verità avevo parlato molto chiaro (nota: queste ultime parole sono state pronunciate con un tono particolarmente virile). Amen.”

 

(pausa significativa)

 

“Ed ora, Sabrina, premesso questo – che era importante dire – ti detto il Mio Messaggio, vero e proprio, prenatalizio; amen.”

 

(pausa significativa)

 

“Figli cari, figli amati! avete aperto il vostro piccolo, il vostro povero cuore A ME, oppure, nonostante il Mio Natale sia ormai alle porte, voi siete ancora succubi e schiavi del peccato grave e delle perverse passioni, che sempre vi trascinano verso il basso, e verso l’Inferno, in ultima analisi?”

 

(pausa)

 

“Figli cari, figlie Mie amate, C’E’ ANCORA TEMPO: CORAGGIO! TORNATE A ME! CONFESSATEVI. ROMPETE – FINALMENTE – I LUNGHI E STRISCIANTI COMPROMESSI COL MALE, con quel male che deturpa, abbruttisce, degrada e svilisce la vostra vera natura di figli chiamati da Dio al Cielo; sì, il Suo Cielo Santo. Amen.”

 

(pausa)

 

“E voi che invece anime in Grazia siete, ascoltateMi: Io desidero che voi accresciate sempre più questo capitale interiore, questo tesoro di grazia che avete in voi: e perché Dio è Buono, e per il concorso - con la Grazia - della vostra buona volontà umana. Amen.”

 

Tutti: PREGATE! PREGATE! PREGATE! perché Dio Padre, Io, il Figlio, e il Divino Paraclito possiamo, e sempre più, vivere e regnare in voi; anche perché – sappilo, Sabrina eletta Mia, e sappiatelo, voi tutti – molto di ciò che accadrà dipenderà dall’apertura, o meno – alla Vita – vera vita – della Mia Santa Grazia nelle anime di voi, Miei amati figli, e figlie, della Chiesa Cattolica, Apostolica e Romana. Amen.”

 

(pausa significativa)

 

“Per ora, Sabrina, puoi andare in pace, e con la Mia Santa Grazia e la Mia Divina benedizione nel tuo cuore.

 

Va’ in pace! Amen”.

 

 

Locuzioni interiori ricevute la Sesta Domenica dell'Avvento Ambrosiano, 23 dicembre 2012, dopo la Santa Messa, in chiesa.

 

 

Comments