2012-07-22 Messaggio del Sacro Cuore sulla vera orazione e sul sacro silenzio religioso, spesso disattesi

“Sabrina, prendi e scrivi. Amen.”

 

(pausa)

 

“Sabrina, ascoltaMi. Ti sembra una preghiera – una vera preghiera, amen – questa che Mi si eleva oggi in questa chiesa dedicata a Nostra Signora del Carmelo, come pure in tutti i precedenti giorni? Amen.”

 

(pausa significativa)

 

AscoltaMi. Io sono Cristo. Amen.”

 

“Voglio dirti oggi, con questo Mio eletto Messaggio, anzitutto due cose: - la prima: qui ad Appiano, come in molte altre chiese, si chiacchiera troppo, o Sabrina, e quindi non c’è – quasi per niente, amen – spirito di autentico, vero raccoglimento, e quindi non ci può essere vera e sincera orazione del cuore. Amen. Molto spesso Io vedo solo un vuoto movimento di labbra, che non corrisponde al loro cuore (riferimento a Matteo 15,7-9 e Marco 7,6-8; Isaia 29,13), di molti di questi figli e figlie, amen, che sono invece ipocriti: voglio dire che la loro vita non è una VERA LODE A ME GRADITA. AMEN.

 

“- La seconda: in molte case religiose e canoniche non regna più – e da molto tempo ormai, amen … purtroppo – il SACRO SILENZIO RELIGIOSO; ma ivi, al contrario, trionfa e regna – con grande disturbo e danno per le anime consacrate – la televisione, la radio, internet e il rumore vacuo di molte chiacchiere inutili, per non dire quando – e per quante volte! – dannose al prossimo, e malevole verso di esso … Sabrina, ascoltaMi, ascoltaMi con umile attenzione: Oggi Io, Gesù Cristo stesso, ammonisco amorevolmente le Mie spose - tutte le monache professe del monastero di Me Santissimo Salvatore, che è in Grandate - e voglio dunque dir loro: state attente, o spose! vigilate! perché il demonio nemico, scaltro e infido, ogni giorno, ogni mese di più, va facendo del vostro caro monastero – che dovrebbe essere per Me un’oasi di vero riposo e di dolce intimità con voi, o care anime elette, amen; al contrario, egli con il libero concorso della vostra umana fragilità e, delle volte, ahimè, della vostra cattiva volontà, amen – il salotto dei pettegolezzi e di molte malevolenze della città di Como, che è molto lontana dal Mio Cuore Sacratissimo. Amen.”

 

Pausa significativa di serio silenzio di Gesù Cristo.

 

“Per ora va’ in pace, e metti presto questo Mio importante dettato sul Mio Sito, esso prezioso. Amen.”

 

“Va’ in pace, Sabrina eletta Mia, ma sappi che presto Io tornerò. Amen”.

 

 

Locuzioni interiori ricevute domenica 22 luglio 2012, durante i Vespri solenni, nella chiesa del Carmelo ad Appiano Gentile.

 

  

Comments